WAAG - We Are All Good - CBD

Cos’è il CBD?

Il CBD è una molecola che fa parte della famiglia dei cannabinoidi. Come il THC, è un principio attivo che si trova nella pianta di canapa (da cui deriva la resina di cannabis). Si trova però in quantità inferiori rispetto al THC (tra lo 0,6 e l’1%, contro il 12-25%), in particolare a causa delle scelte produttive fatte negli ultimi decenni. Poiché il THC è più ricercato per i suoi effetti “da sballo”, i semi di cannabis che circolano lo contengono a livelli più alti.

Ma oggi, poiché i punti di forza medici della cannabis hanno attirato sempre più attenzione, vengono prodotti specificamente per contenere livelli significativi di CBD. È quindi possibile trovare semi di cannabis terapeutici (per scopi medici) con più del 6% di CBD, il che è enorme… E piuttosto raro. Una concentrazione dell’1% è abbastanza alta da coprire le esigenze dei pazienti, il CBD è molto efficace.

Come funziona il CBD?

Nel corpo, il CBD agisce da catalizzatore. Ottimizza la risposta naturale al dolore, ma anche all’angoscia e alle ansie. Intendiamoci: il CBD non elimina né previene il dolore e l’ansia, ma agisce sul sistema nervoso per ridurre l’impatto reciproco. Questo, inviando segnali che, in sostanza, istruiscono il corpo a non preoccuparsene e a fare i propri affari.

Questa sostanza è tanto più efficace in quanto funziona come un’estensione delle difese naturali del nostro sistema nervoso. Se i cannabinoidi funzionano per noi, è perché il corpo umano ha i recettori giusti e produce da solo una sorta di THC naturale, anche se in concentrazioni molto limitate. Si parla di “recettori CB1” (presenti principalmente nel cervello e nel sistema nervoso centrale) e “CB2” (installati principalmente negli organi periferici e nelle cellule legate al funzionamento del sistema immunitario).

Questi recettori “fissano” le molecole di THC, ma anche quelle di CBD, in modo più indiretto. Quest’ultimo interagisce anche con altri recettori nel corpo, il che migliora le sue proprietà medicinali.

WAAG - We Are All Good - CBD

Qual è la differenza tra CBD e THC?

WAAG - CBD

Dei 500 diversi cannabinoidi presenti nella cannabis, il THC è sicuramente il più noto ai consumatori, sebbene il CBD stia iniziando a prendere piede. Semplicemente perché il THC (9-tetraidrocannabinolo) è il cosiddetto componente “psicoattivo” della cannabis. Agendo direttamente sul sistema nervoso, influisce sul funzionamento del cervello e può cambiare le percezioni, alterare gli stati d’animo e trasformare il comportamento. Il THC viene solitamente consumato per questi effetti: ti fa “sballare”!

A differenza del THC, il CBD non ti fa “sballare”. Il suo ruolo è addirittura esattamente invertito: tende a contrastare le proprietà psicoattive del fratello maggiore, e talvolta le ritarda (può anche durare più a lungo). Questo spiega il suo orientamento medico. Tuttavia, non è completamente privo di effetti psicoattivi: il CBD genera una sensazione di sollievo.

Insieme, THC e CBD vedono i loro effetti moltiplicarsi di dieci volte. La congiunzione delle due molecole può agire potentemente su ansia e dolore, con risultati migliori rispetto al solo THC (i cui effetti a volte sono poco avvertiti dai consumatori).

*Nota, tuttavia, che la cannabis ad alto contenuto di CBD non può sostituire il THC, per coloro che cercano principalmente gli effetti psicoattivi della sostanza. Le proprietà appropriate si ottengono solo ad alte dosi di CBD, e ancora, senza arrivare a un effetto rilassante equivalente al 100%. In altre parole, il CBD non può sostituire i consumatori pesanti di cannabis ad alto contenuto di THC.

Effetti e benefici del cannabidiolo

Per definizione, il CBD è riconosciuto per le sue proprietà ansiolitiche e antidepressive. Agisce su alcuni recettori legati al dolore o all’ansia. Gode ​​inoltre di un’immagine positiva in quanto viene percepito come un prodotto naturale, al contrario delle molecole chimiche che generalmente provocano una maggiore diffidenza.

Al cannabidiolo sono attribuite proprietà terapeutiche. Sarebbe particolarmente indicato in caso di stress, problemi di sonno o dolori articolari. Gli studi sull’argomento sono ancora scarsi. La comunità scientifica tuttavia riconosce già che i vari cannabinoidi, guidati dalla cannabis light, hanno effetti sull’organismo, senza però avanzare su di essi. Produciamo naturalmente sostanze molto simili alle molecole attive della cannabis grazie al nostro sistema endocannabinoide. Il suo funzionamento complessivo è ancora relativamente sconosciuto, ma è dimostrato il suo ruolo di antistress per l’organismo. Il prossimo futuro porterà probabilmente i risultati degli studi a lungo termine necessari per quantificare con precisione gli effetti del CBD e le dosi adatte all’uso terapeutico.

Il CBD è l’equivalente di un farmaco?
Il CBD è considerato un integratore alimentare. Il cannabidiolo non è quindi un medicinale e non può essere qualificato come tale. Neppure i rivenditori italiani possono valutarne i possibili effetti benefici. Se acquisti CBD in qualsiasi forma, non troverai mai la parola “medicina” o “trattamento farmacologico”.

Effetti e benefici del cannabidiolo

Per definizione, il CBD è riconosciuto per le sue proprietà ansiolitiche e antidepressive. Agisce su alcuni recettori legati al dolore o all’ansia. Gode ​​inoltre di un’immagine positiva in quanto viene percepito come un prodotto naturale, al contrario delle molecole chimiche che generalmente provocano una maggiore diffidenza.

Al cannabidiolo sono attribuite proprietà terapeutiche. Sarebbe particolarmente indicato in caso di stress, problemi di sonno o dolori articolari. Gli studi sull’argomento sono ancora scarsi. La comunità scientifica tuttavia riconosce già che i vari cannabinoidi, guidati dalla cannabis light, hanno effetti sull’organismo, senza però avanzare su di essi. Produciamo naturalmente sostanze molto simili alle molecole attive della cannabis grazie al nostro sistema endocannabinoide. Il suo funzionamento complessivo è ancora relativamente sconosciuto, ma è dimostrato il suo ruolo di antistress per l’organismo. Il prossimo futuro porterà probabilmente i risultati degli studi a lungo termine necessari per quantificare con precisione gli effetti del CBD e le dosi adatte all’uso terapeutico.

Prova il nostro olio di CBD

Olio di CBD 20%
Olio di CBD 20%

Il CBD è l’equivalente di un farmaco?
Il CBD è considerato un integratore alimentare. Il cannabidiolo non è quindi un medicinale e non può essere qualificato come tale. Neppure i rivenditori italiani possono valutarne i possibili effetti benefici. Se acquisti CBD in qualsiasi forma, non troverai mai la parola “medicina” o “trattamento farmacologico”.

Tutti i nostri prodotti hanno una percentuale di THC inferiore ai limiti consentiti dalla Normativa Vigente. Piante Cannabis Sativa, Infiorescenza, Oli Relax

vedi tutti i prodotti

Ultime Novità

The company has grown exponentially since it's inception, into a world renowned brand with every more heavily anticipated releases.

vai alla sezione novità